LE ALGHE DELLA LAGUNA DI VENEZIA

DISTRIBUZIONE, RACCOLTA, CONSERVAZIONE ED OSSERVAZIONE

(ricerche, studio, testi e fotografie di )




In queste pagine è raccolto il materiale relativo ad un Corso sulle ALGHE della LAGUNA di VENEZIA.
Le schede, l'algario ed il repertorio di immagini che descrivono le specie nei loro ambienti naturali, i luoghi e le date di raccolta, sono il risultato dei miei percorsi lagunari di ricerca e studio nel corso di molti annni.

In questa esperienza sono stato consigliato e sostenuto da quanti sanno di questo mio interesse ( forse Ŕ qualcosa di pi¨) che dura ormai da pi¨ di trent'anni, non tanto per celebrare le alghe in sŔ quanto per proporre un nuovo percorso didattico che partendo da esse affronti l'urgente tema dell'educazione ambientale.
Raccogliere, classificare, conservare, fotografare questi organismi, che abitualmente confondiamo con tutti gli altri vegetali acquatici, sarÓ una occasione per esplorare le diversitÓ dei biotopi lagunari, dal bacino Sud a Nord, dalle difese a mare, dighe e murazzi, sino alle barene ed alla terraferma. Per far questo dovremo cogliere anche i ritmi della natura ed il suo divenire, imparando a percepire le fenologie, "fioriture algali" (distribuzione stagionale), le armonie delle maree di sizige e di quadratura, i gradienti ecologici dei parametri idrobiologici, dal mare Adriatico alle Valli salse ed alle barene (distribuzione stazionale), dalla superficie al fondo dei canali (distribuzione verticale).
La Laguna Ŕ territorio di frontiera tra mare e terra, luogo di transito, talvolta effimero, (per pochi anni), di specie che occasionalmente vi capitano. E' il caso, per esempio, delle Feoficee Undaria pinnatifida (Harvey) Suringar e Sargassum muticum e della Rodoficea Gracilaria dorifera che, come molte altre, si sono affacciate nello scenario lagunare, portate dai traffici marittimi.

Ho inserito nell'algario 18 specie tipicamente mediterranee per far cogliere le diversitÓ con le specie lagunari, allo scopo di rafforzare il metodo comparativo delle analogie e delle omologie ambientali. L 'educazione ambientale richiede l'acquisizione di una capacitÓ di raccogliere informazioni dal territorio, ove la natura non Ŕ un mezzo sottoposto alla indiscriminata azione del'uomo. Uomo e natura hanno avuto una genesi comune ed avranno un unico destino congiunto, non vi sono altre possibilitÓ.






GUARDA SCHEDE
CONSULTA ALGARIO


INDIETRO
AVANTI
Progetto e realizzazione:
Terranea.it - 2001